Comunità turistica del comune di Dobrigno
Contatti / Dove siamo?

Comunità turistica del comune di Dobrigno
Scegli la lingua:
Hrvatski English Deutsch Italiano
Hrvatski English Deutsch Italiano
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Il partimonio culturale

Dal ventaglio di beni culturali e di cose d’interesse di quest’area, spicca il già più volte menzionato Atto di donazione dell’illustre Dragoslav del 1100, una sorta di “atto di nascita” di Dobrigno e della sua area. A questo documento sono strettamente legati due edifici sacri. In primo luogo la chiesa capitolare (parrocchiale) di Santo Stefano a Dobrigno, uno degli edifici sacri più antichi di questo lembo dell’isola di Veglia.

Alcuni secoli più tardi, davanti alla chiesa fu costruita una loggia lignea (detta cergan), la cui data di nascita ed il cui committente restano ancor oggi avvolti dal mistero. In questa chiesa a tre navate spicca una pala d’altare scolpita raffigurante “L’incoronazione della Beata Vergine Maria”, risalente agli inizi del XVI secolo. Nell’atto di donazione si menziona anche la chiesetta di San Vito (Sveti Vid), ubicata nell’omonimo villaggio alle porte di Dobrigno, la cui costruzione dovette essere terminata nel 1100. Andata in rovina a partire dal XVIII secolo, fu adibita addirittura a stalla. Negli anni ’40 del XX secolo su restaurata e restituita al culto.

Dobrigno, un tempo, contava ben sette chiese. Oltre a quella principale, degna di nota è la chiesa della SS. Trinità (popolarmente nota col nome di chiesa di Sant’Antonio), con un’interessante pala d’altare che raffigura l’inferno, il purgatorio ed paradiso. Raramente al servizio del culto, nei mesi estivi funge da spazio espositivo.

La collezione museale di Dobrigno, inaugurata nel 1981, custodisce un vero e proprio tesoro di manoscritti in glagolitico, tra i quali spiccano una copia autenticata del famoso Atto di donazione ed un prezioso antependio veneziano del XIV secolo. Nel Museo d’arte sacra potrete ammirare, tra le altre cose, anche una vera e propria rarità: crocifissi da processione del XVII secolo con Maria su un lato e Gesù sull’altro. Oltre alla collezione museale privata “Barbalić”, Dobrigno vanta anche l’imponente Collezione etnografica dell’isola di Veglia, ospitata in un palazzo a tre piani. Gli oggetti esposti, sistemati in tre differenti allestimenti tematici, sono stati raccolti lungo il corso degli anni in ogni angolo dell’isola. Grazie al collezionista e mecenate internazionale Peter Infeld, Dobrigno negli ultimi anni è diventato una tappa obbligata degli amanti delle belle arti di tutto il mondo. La Galleria Infeld, una delle più grandi della Croazia, ogni estate propone, infatti, mostre dei più rinomati artisti nazionali ed internazionali, protagonisti delle più svariate correnti espressive, dall’arte naïf alla pop art.

La Via ed il Viale dei glagoliti di Gabonjin evocano la tradizione glagolitica, uno dei segni distintivi di questa terra. Passo dopo passo, pietra dopo pietra, percorrendo tra i boschi la Via ed il Viale dei glagoliti, vi sembrerà di fare una piacevole ed istruttiva passeggiata lungo la storia dei nostri avi, dove poter imparare i caratteri di questa remotissima scrittura croata sarà facile ed interessante. Tra i beni culturali la cui importanza va al di là dei confini dell’area di Dobrigno, segnaliamo anche la pala d’altare in stile barocco custodita nella chiesetta di San Clemente (Sveti Klement) a Climno (Klimno). Raffigurante scene della vita dei santi, ciascuno con il proprio simbolo, è un altro dei tanti beni culturali protetti dell’area. Al centro di Climno, di fronte alla chiesetta, sarete affascinati dall’imponenza di una grande scultura a forma d’àncora. La sua funzione è quella di ricordare che proprio a Climno sorge uno dei più antichi cantieri navali dell’isola di Veglia.

La grotta Biserujka (o grotta di Vitezić), nei pressi del paesino di Rudine, è nel contempo attrazione culturale e turistica, proprio come la Vela gromača a due passi da Kras. Stavolta il superlativo è d'obbligo: oltre ad essere il maggior cumulo di pietre dell'isola, la Vela gromača sorge sullo Sveti Jure, il punto più alto dell'isola di Veglia, situato a quota 311 sul livello del mare.
Galleria fotograficaWebcamsVideoPiante delle località

I materiali promozionali...

Catalogo degli alloggi privati
Se cercate un alloggio in affitto a Sillo, cala Solini (Climno, Cisicchie, Solini) o nei villaggi dell’entroterra, date un’occhiata al nostro catalogo.

Catalogo generale

Tutte le informazioni in un sol luogo! Scoprite ogni segreto di Sillo, Dobrigno e cala Solini. Nel catalogo troverete informazioni su: alloggi privati in affitto, campeggi, spiagge, gastronomia e tanto altro ancora.

Catalogo degli attrazioni

Si tratta di un catalogo che illustra le bellezze e le cose d’interesse dell’area di Dobrigno. Le brevi descrizioni testuali sono corredate da fotografie e dalle coordinate GPS.

Catalogo di spiagge e calette

Panoramica di tutte le spiagge e baie nel comune di Dobrinj